Aifa: approva rimborsabilità di Nivolumab per il melanoma e polmone

Il farmaco, primo anti-PD-1 approvato in Italia, mostra un tasso di sopravvivenza a un anno superiore al 70% nei pazienti affetti da melanoma avanzato e del 42% nei pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule squamoso avanzato.

Salute-9-segnali-che-possono-indicare-un-tumore-696x454

Oggi anche i pazienti italiani hanno a disposizione una nuova arma contro il cancro: nivolumab, il primo farmaco anti-PD-1 approvato in Italia. Dopo la chirurgia, la radioterapia, la chemioterapia e le terapie target, la nuova frontiera nella battaglia contro il cancro si chiama immuno-oncologia, un approccio innovativo alla malattia neoplastica, che si avvale di terapie attive sul sistema immunitario. Già nel 2013 Bristol-Myers Squibb ha reso disponibile per i pazienti ipilimumab, primo farmaco immuno-oncologico attivo nel melanoma avanzato. Oggi la storia continua con un’evoluzione importante, nivolumab, primo farmaco anti-PD-1 per il quale l’Agenzia Italiana del Farmaco stabilisce la rimborsabilità nel trattamento del melanoma avanzato e del tumore del polmone non a piccole cellule squamoso avanzato in pazienti pretrattati. Questi pazienti possono oggi contare su una nuova terapia che prolunga significativamente la sopravvivenza a lungo termine con malattia in stadio avanzato.

Aifa: approva rimborsabilità di Nivolumab per il melanoma e polmoneultima modifica: 2016-03-31T10:13:21+02:00da francyfromm
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento